Sabbiatrice a depressione con recupero abrasivo

Le sabbiatrici con recupero abrasivo sono dotate di un ciclone che recupera e rigenera l'abrasivo, mantenendo la cabina pulita e l'abrasivo in buone condizioni. Le Pallinatrici / Sabbiatrici a depressione sono macchine realizzate per il trattamento e la finitura delle superfici.

Le sabbiatrici a depressione sono impiegate e sono particolarmente idonee alla pulizia di matrici, punzoni, utensili, alla rifinitura e pulizia di acciai inossidabili, particolari ossidati, particolari trattati termicamente, eliminazione di bave derivate da lavorazioni meccaniche, preparazione superficiale per l'adesione di riporti galvanici, gomma, poliuretano fino alla sabbiatura di particolari in vetro, ceramica, plastica, policarbonato. La cabina di lavoro, in lamiera di acciaio 20/10 elettrosaldata, è mantenuta in depressione da un aspiratore che assolve anche il compito di depolverazione cabina.
La separazione delle particelle esauste e delle polveri in sospensione avviene tramite un particolare camino dimensionato per lavorare in perfetta simbiosi con le caratteristiche dell'aspiratore.
La proiezione della graniglia o dell'abrasivo avviene mediante una pistola di sabbiatura ad alta efficienza che sfrutta il principio "venturi" come motore di veicolazione. All'interno di queste sabbiatrici possono essere utilizzate tutti i tipi di graniglia, sia sferiche (microsfere di vetro, microsfere di ceramica, graniglie di acciaio) che angolari (corindoni bianco rosso bruno grigio, carbonati, plastiche, graniglie vegetali, graniglia metalliche, etc). Sul lato destro della cabina di pallinatura sabbiatura è ricavato il filtro per il trattamento delle polveri nel quale è installata la cartuccia filtrante ed il sistema elettronico per la pulizia della stessa in automatico e programmabile.
Grazie al braccio di supporto, standard per tutte le versioni, è possibile fissare la pistola nella posizione desiderata e movimentare il pezzo sotto il flusso.

Gruppo buratto

Il gruppo buratto è un accessorio applicato allo sportello della cabina di pallinatura sabbiatura composto da una parte di motorizzazione, posta all'esterno dello sportello, e da una presa di forza rotante alla quale è possibile applicare un cestello di forma ottagonale e rivestito di serie con uno speciale poliuretano bicomponente antiusura.
All'interno del cestello trovano posto i particolari da pallinare sabbiare (normalmente minuteria). La rotazione trasmessa al cestello dalla motorizzazione esterna determina un movimento continuo di rotazione e rivoluzione dei particolari da trattare esponendo TUTTE le superfici al getto della graniglia abrasivo proiettato dalle pistole di sabbiatura.
La gestione del gruppo buratto è integrata nel quadro elettrico tramite il quale è possibile gestire le variabili per la messa a punto del ciclo di lavoro.
L'impianto rimane comunque impostabile per le normali operazioni di pallinatura sabbiatura manuali.
Il cestello è estraibile senza l'ausilio di chiavi o attrezzi speciali.

Le sabbiatrici con recupero abrasivo sono dotate di un ciclone che recupera e rigenera l'abrasivo, mantenendo la cabina pulita e l'abrasivo in buone condizioni.

Le Pallinatrici / Sabbiatrici a depressione sono macchine realizzate per il trattamento e la finitura delle superfici. Sono impiegate e sono particolarmente idonee alla pulizia di matrici, punzoni, utensili, alla rifinitura e pulizia di acciai inossidabili, particolari ossidati, particolari trattati termicamente, eliminazione di bave derivate da lavorazioni meccaniche, preparazione superficiale per l'adesione di riporti galvanici, gomma, poliuretano fino alla sabbiatura di particolari in vetro, ceramica, plastica, policarbonato.

La cabina di lavoro, in lamiera di acciaio 20/10 elettrosaldata, è mantenuta in depressione da un aspiratore che assolve anche il compito di depolverazione cabina. La separazione delle particelle esauste e delle polveri in sospensione avviene tramite un particolare camino dimensionato per lavorare in perfetta simbiosi con le caratteristiche dell'aspiratore.
La proiezione della graniglia avviene mediante una pistola di sabbiatura ad alta efficienza che sfrutta il principio "venturi" come motore di veicolazione.

All'interno di queste sabbiatrici possono essere utilizzati tutti i tipi di graniglia, sia sferiche (microsfere di vetro, microsfere di ceramica, ceramiche, graniglie di acciaio…) che angolari (corindoni, carbonati, plastiche, vegetali, metalliche, etc).

Sul lato destro della cabina di pallinatura sabbiatura è ricavato il filtro per il trattamento delle polveri nel quale è installata la cartuccia filtrante ed il sistema elettronico per la pulizia della stessa in automatico e programmabile.

Grazie al braccio di supporto, standard per tutte le versioni è possibile fissare la pistola di sabbiatura nella posizione desiderata e movimentare il pezzo sotto il flusso.